iL POST DEL POST, EL BUSSOLAO


Un po’ di farine di vario tipo in frigo e il forno acceso per la cottura dei fantastici peperoni ripieni (post a seguire), un blocco di cioccolato avanzato dalle crêpes, insomma, voglia di recuperare e non buttare il cibo!!!

Faccio una torta, il che non è da me, io e la pasticceria non andiamo molto d’accordo. Diciamo che se la cucina è pura creatività ed istinto (parlo per me, da autodidatta e assolutamente non da chef che è tutt’altra storia) la pasticceria è l’assoluta espressione della precisione e della tecnica.

Per velocità e solo per la pasticceria, mi tuffo su google e cerco una ricetta per fare un bel ciambellone, come quello che mi faceva la mia nonna. Digito il nome sulla barra di ricerca, nel nostro dialetto Veneto: Bussolao. Il mio stupore, la meraviglia, il piacere, la sorpresa, nel vedere che alla seconda voce appariva: “ il bussolao di CUXiNA MARCHESiNi”.

Per la prima volta faccio una mia ricetta! In verità la ricetta è della mia zia Natalina, l’avevamo pubblicata nel primo post, il giorno dei morti, agli albori del nostro blog.

Ho fatto alcune modifiche alla ricetta originale: le farine sono nell’ordine di grano saraceno, semola di grano duro, integrale “Chilometro Cinque” e grano tenero “00”, lo zucchero è il solito integrale Moscobado, il lievito è sostituito dal bicarbonato di sodio. Per il resto tutto uguale, anche leggermente bruciacchiato come quello della Natalina.

Dimenticavo, anche lo zucchero di rifinitura non era quello giusto, la zia e la nonna usa/usava lo zucchero in grani ;(

DSC_0693

Per i più curiosi potete confrontalo con il vecchio post… http://www.cuxina.it/il-bussolao/

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>