i FiNOCCHi CROCCANTi


Dei finocchi ne abbiamo già parlato sul post ” finocchi scampati”.

Oggi vi racconto una ricetta di recupero, per la serie “mi son scordato di te 2″ ho ritrovato un paio di finocchi dall’aria tutt’altro che fresca.

i finocchi

In terrazzo tengo delle cassette con dentro frutta e verdura che con il freddo si conservano benissimo anche fuori dal frigorifero, ma ogni tanto qualcosa mi sfugge.

Per non gettare questi poveri ortaggi ho pensato di pulirli per bene, affettarli e farli gratinati. Un filino di latte sul fondo, un po’ di ricotta di Castelnovo (rimasta dalla torta di mele di Danijela) a fiocchi belli grossi, una spolveratina di grana padano, una macinata di pepe e per finire un po’ di noce moscata grattugiata, sale qb.

Li ho passati al forno a 180°C fino alla doratura della superfice. Al momento dell’assaggio si è accesa subito la discussione con la Iaia e con Mattia sul fatto che dovrebbero essere sbianchiti (sbollentati in acqua salata) o bolliti nel latte. Partendo dal presupposto che odio i finocchi lessi, e arrivando al punto che adoro le verdure croccanti, ho provato questa mia interpretazione. Direi, a parer mio, deliziosa!!!! La ricotta passata al forno rimane soffice e con il croccante del finocchio crea un piacevole contrasto.

Quindi, se anche a voi piacciono le verdure croccanti seguite questa ricetta, altrimenti sbollentatele prima! ;-)

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

3 Comments

  1. I got what you mean, regards for putting up.Woh I am delighted to find this website through google. You must pray that the way be long, full of adventures and experiences. by Constantine Peter Cavafy. gbebfadefdbf

    Post a Reply
  2. I’m pleased that I seen this website, precisely the proper information that I was trying to find! gcbdeeedekbggeeb

    Post a Reply
  3. Hey Johnd11 and Smithk873, MATTiA here, I really want to thank you all for appreciating our work! Unfortunately my dad, as written in our presentation, is a pure Italian, so he can’t speak English at all, therefore I wanted to than you on behalf of him too ;)

    Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>