i TRE CALAMARi


La specie è per la precisione Molluschi cefalopodi, e come tutti i molluschi sono da mangiarsi con parsimonia in quanto sono ricchissimi di colesterolo. Anche qui pescati 8 ore prima, mi facevano l’occhiolino dal banco del pesce ed ho pensato bene di comperarli e di farne tre piatti diversi.

La prima ricetta è di una semplicità unica, una volta puliti (se non avete dimestichezza il vostro pescivendolo sarà ben felice di pulirveli per bene in un secondo) li ho messi alla griglia per una decina di minuti (il tempo è sempre relativo, nel senso che non sapendo che pezzatura avranno i vostri calamari, quanto fuoco avete sotto la griglia, o quante braci, è davvero difficile stabilire un tempo) o fino alla cottura ottimale che vi ricordo non dev’essere eccessiva, piuttosto crudi che troppo cotti, altrimenti risulteranno gommosi. Nella stessa griglia ho messo in cottura delle melanzane Slim Jim, lunghe e sottili che ben si presteranno nell’infilarsi all’interno del nostro cefalopode grigliato. È davvero semplice, ma di un sapore fantastico. Ovviamente aggiustate di sale e pepe, un filo d’olio buono, magari con un battuto di prezzemolo fresco e uno spicchio d’aglio in infusione, daranno al piatto una marcia in più!

CUXINA 22690 1

La seconda versione del mollusco, al vapore: anche qui il tempo è un po’ ad occhio, nel senso che quando tastando con le punte della forchetta queste si infileranno nella carne senza grandi resistenze, è cotto. Sarà la sua forma, è una tasca perfetta, ma mi invoglia di riempirlo. Questa volta ho fatto un insalatina con un po’ di foglioline gentili verdi, un po’ di rucola, dei pomodorini dolci tagliati a pezzettini molto piccoli, dell’avocado, (ci vedrei bene anche del cetriolo ma non lo avevo in casa) il tutto condito con olio, sale e limone. Farcite la tasca naturale, aggiustate di olio sale e pepe all’esterno, mi raccomando che il pepe sia appena macinato l differenza è colossale!!! Il risultato anche qui è assicurato, un piattino very light è pronto in 15 minuti.

CUXINA 22693 1

Ultima versione, spadellato con un filo d’olio. Qui abbiamo utilizzato anche le teste degli altri che non avevamo usato prima, qui la tempistica è davvero veloce, sminuzzato sottile il tutto, 5 minuti a fuoco vivace e poi spegnete, se vi piace un paio di becche d’aglio in camicia e un peperoncino possono dare ancora più sprint al piatto, ma vi assicuro che già così è davvero mooolto saporito. In abbinamento, un friggitello che ho grigliato (visto che avevo il barbecure acceso per il resto) oppure lo potete anche spadellare prima con un filo d’olio nella stessa padella. Qui i sapori forti la fanno da padrona!

CUXINA 22696 1

È incredibile che la stessa materia prima, gestita in tre versioni differenti porti a dei risultati così tanto diversi.

È un gioco davvero curioso, ve lo consiglio come tema magari per una cena con gli amici.

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>