iL CONiGLiO


Un post leggermente nostalgico: il coniglio (el conejo) cotto nella stufa a legna come lo cucinava la mia nonna Rosa.

DSC_4444

Cucinare il coniglio può suscitare qualche reazione negativa, ma come ho già detto, in questo blog raccontiamo la cucina generazionale…quindi a voi la ricetta.

Il nostro coniglio ha vissuto libero in una collina incantevole, nutrito in maniera assolutamente biologica, ne deriva un “prodotto” dal sapore fantastico. Niente cattivi odori di mangimi o altro.

La preparazione è estremamente semplice: nella pancia mettiamo salvia, un rametto di rosmarino, qualche bacca di ginepro e qualche fettina di guanciale/pancetta/lardo salato, sale qb.

La carne del coniglio è molto delicata e dolce, a mio parere eccessivamente magra, ecco il perché del guanciale.

Un filo d’olio nel fondo del tegame, una generosa dose di sale e nient’altro. Se piace potete aggiungere del vino bianco, nel caso mio non ho aggiunto nient’altro e vi assicuro che è stato magnifico. La cottura nella mia stufa è molto approssimativa, tutto a occhio, non avendo un termometro. Quando presenta una colorazione aranciata è pronto, non esageriamo con i tempi di cottura per evitare che si asciughi troppo avendo come risultato una carne stopposa.

DSC_4422

La cottura è comunque lenta ed essendo affamati abbiamo fatto un aperitivo/antipastino con le frattaglie del coniglio. In una padella abbiamo messo gli stessi ingredienti usati per la cottura del coniglio: un filo d’olio, salvia, rosmarino e un battuto leggero di guanciale. 10 minuti sui cerchi della stufa ed è pronta una delle cose più squisite della nostra tradizione culinaria contadina. Per non sbagliare ho spadellato assieme anche qualche pezzetto di pane nero.

DSC_4426

Per contorno un insalata di spinacini freschi e croccanti, conditi con un filo d’olio nuovo siciliano, aceto di mele e un pizzico di sale: fantastici!

DSC_4429

 

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

2 Comments

  1. Hi,I would like to have your schedule of aviicittes that children in 5 years old can done in your organic farm.And, may i know that if there is a tour guide for us, can the tour guide able to tour our 20 children or we need to take care of them also.What can children have after the trip in your organic farm?Is it safe to bring our children there?can i have the reply as soon as possible?Thank you^^

    Post a Reply
    • Unfortunately we don’t have anything like a farm, sorry…

      Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>