LA PASTA AL POMODORO


E quando i figli (questa sera siamo a tre: Mattia, Tamara e la Stella) affamati ti chiedono una pasta al volo, il pomodoro è un must.

cuxina6503

In questo caso sono i pomodorini tardivi piccadilly siciliani, una favola!!!

Anche le acciughe sono siciliane e ne bastano un paio, uno spicchio d’aglio ed un filo d’olio, tutto in padella a rosolare molto lentamente così che le acciughe si sciolgano.

Togliamo l’aglio e buttiamo i pezzettoni di pomodori, 2 minuti a fuoco alto e poi stop, non mi piacciono cotti con le bucce che si

tolgono.

cuxina6504

cuxina6513

Nell’acqua della pasta, come esperimento, ho buttato il gambo dei pomodorini per profumarla, l’ho tolto prima di buttare la pasta, ha creato un leggero profumo, non male!

Scolo la pasta direttamente nella padella così da passare anche un po’ d’acqua di cottura che con gli amidi rilasciati mi creerà una legatura molto piacevole. In casa mia il colapasta serve solo per mettere le melanzane a scolare con il sale per la mitica parmigiana!! Se una pasta non è saltata in padella con il suo sugo per me non è pasta. Detesto quei ristoranti che ti portano la pasta scondita e tutte le ciotoline con i vari sughi, è un insulto al nostro piatto nazional popolare.

Restando in tema di pasta, come vedete nella foto uso la pasta di grano duro Fior Fiore Coop di Gragnano, è effettivamente più lunga da cuocere ma è una garanzia.

L’olio è fresco e profumato, olio nuovo extravergine di un piccolissimo produttore dei Colli Berici: Fantin di Longare, meraviglioso.

E che nessuno si permetta di dire che la pasta al pomodoro è un piatto banale, anzi!!!!

cuxina6534

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>