LE ERBETTE


Il grande professor Gambino, ci consiglia di cibarsi delle erbette spontanee che si trovano sui campi e nelle passeggiate in primavera. Sono ricchissime di omega tre e depurano l’intestino dopo il carico di grassi dell’inverno. Quindi noi, tra passeggiate nella nostra Gambugliano o nelle visite ai banchi del mercato, adoriamo cibarci di queste primizie.

CUXINA 27231 CUXINA-27233

Il costo al mercato è relativo così come lo sforzo nel raccoglierle in natura.

Ma veniamo al nostro risottino di erbette, in questo caso ho comprato dei bruscandoli e i carletti. I primi sono i germogli del luppolo selvatico e si trovano lungo le “maxiere” che sono le murature che affiancano i sentieri in collina o in campagna. I secondi li si trovano a terra, hanno la foglia esile e fanno un fiore a trombetta. Da raccogliere assolutamente prima della fioritura, come quasi tutte le erbette spontanee.

La tostatura del riso è solo con un filo d’olio, no soffritto please: a tostatura avvenuta aggiungo il trito delle erbette precedentemente saltate con olio aglio e peperoncino per 10 minuti. Brodo vegetale bollente, aggiunto un po’ alla volta con un mestolino e tanto ammmoreee.

CUXINA-27244 CUXINA-27245

Non amo mantecare i risotti, ma in questo caso farò un eccezione e mantecherò con un pezzettino di burro e una manciata di stravecchio entrambi di malga profumatissimi che ben si sposano con il sapore delle erbette.

CUXINA-27248

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

2 Comments

  1. Squisito, sopratutto per chi ama le cose semplici e genuine.
    saluti e buon apettito gianfranco.

    Post a Reply
    • sempre gentile, Gianfranco, grazie!

      Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>