UNA SERA COSì


Una serata come un’altra e semplicemente tanta voglia di cucinare.

Dopo una giornatona di lavoro e affini, la sera è tutta per me e per la mia passione.

cuxina6425

I carciofi (da pulire) nella cassetta in terrazza mi continuano a guardare da sabato, io li ho evitati ma oggi vedevo in loro un certo cedimento e colto da compassione mi sono deciso ad agire. Guantini (per evitare l’annerimento delle mie dolci manine ;) li pulisco ma non tolgo la barba al centro, mi hanno detto che sono in un periodo dove è tutto mangiabile, e così ho fatto.

La ricetta l’ho già pubblicata in un post precedente, ma visto che mi piacciono cotti in questa maniera ho “bissato”! Trovo che, come per i finocchi di ieri, mantenere croccanti le verdure dia loro una marcia in più.

In padella i carciofi, a me la spianatoia! Le mie fidate farine di Chilometro Cinque, acqua e via ad impastare per la prima volta una base per la mia torta salata che non sia brisè, frolla o sfoglia. Quindi niente Giovanni Rana, only home made!

Non ho dimenticato il sale nella lista, l’ho proprio dimenticato nell’impasto, quindi dopo averla stesa con “la mescola” o grande mattarello, l’ho spolverata con del sale rosa fino dell’Himalaya (è un errore ma non così catastrofico).

Il ripieno sono i soliti giri di radicchio meno croccante dei ceppi di variegato che prendo dall’amico Erio, spadellati con la pancetta e il grana. Chiusa come una tovaglia (in effetti era troppo grande e il sormontarsi degli strati ne compromette la cottura ottimale) e cosparsa d’olio extravergine, origano e fiocchi di sale Maldon. Un’oretta di forno a 200°C…..ed è pronta! Da perfezionare, certo, ma a noi è piaciuta un sacco!!!

torta slata

torta salata

Ancora le mie farine ma stavolta con l’aggiunta di due uova freschissime creano una sfoglia sottile che, tagliata a dovere dovrebbe delle splendide tagliatelle, ma qui la stanchezza ha preso il sopravvento, ho optato quindi per dei tagliolini stile udon. Non ricordava la minestra con le tagliatelle della mia nonna Rosa, ma ci siamo “fumati” tutti due piatti, quindi ok anche questo.

Adesso pubblico questo post e mi sdraio per rilassarmi un po’.

 

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>