iL QUiNTO QUARTO


IL ROGNONE
Altra parentesi dedicata alle frattaglie, questa volta tocca al rene, volgarmente detto “rognone”.

DSC_6981
La freschezza qui è fondamentale, dopo le 24 ore inizia a diventare “piccante” a livello olfattivo.
Quindi, lo si taglia per lungo per eliminare la parte grassa bianca che c’è al suo interno. Questo grasso viene utilizzato nelle più disparate maniere, per fare i saponi, all’interno di margarine o simil grassi. In inglese si chiama suet ed è un ingrediente tradizionale di alcune pietanze tipiche come il Christmas pudding.

DSC_6984
Diciamo che in cuxina finisce direttamente nell’umido!
Una volta pulito bene lo si lava abbondantemente sotto acqua corrente, per i palati più delicati si consiglia anche un paio d’ore in marinata di acqua e aceto.
Se la freschezza del prodotto è assicurata dopo un’attenta igiene, lo affettiamo e lo passiamo direttamente in padella anti aderente, lo spadelliamo allegramente per far fuoriuscire il sangue, quindi fiamma alta 2 minuti e stop.
In un tegame a parte faremo rosolare dell’olio e aglio e metteremo il nostro rognone a trifolare a fuoco lento, qui la cucina economica sarebbe il top, messo su un angolino e dimenticata. Al bisogno un goccio di vino bianco.
Per nostro gusto abbiamo aggiunto del peperoncino leggermente piccante, ultimamente la passione di Mattia per questa solanacea sta diventando sempre più piacevole.

DSC_6985
A fine cottura, un battuto di prezzemolo fresco e il piatto è pronto.
Come accompagnamento, una cipolla rossa di tropea, tagliata grossolanamente, spadellata in agrodolce con aceto e zucchero moscobado è stata un abbinamento perfetto!
Buonappetito e arrivederci al prossimo “quinto quarto”.

DSC_6989

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>