LE UOVA PASQUALiNE


La mia nonna le avvolgeva nella carta crespa colorata mentre la mia dolce metà Danijela le avvolge nei collant con foglie e fiori. Il colorante: buccia di cipolla rossa e gialla, bollite per almeno un’ora. Immerge le uova nell’acqua colorata, una volta raffreddata, e le cuoce portandole ad ebollizione per 8/10 minuti. Nel suo paese, la Serbia, è un’usanza molto sentita, tanto che si trovano in commercio un sacco di colori naturali per alimenti.

CUXINA-27208 CUXINA-27211

Queste uova, una volta fotografate per il blog, andranno sacrificate sotto forma di mimosa con i primi asparagi della stagione.

Abbiamo salutato ieri i carciofi e apriamo le porte della nostra CUXiNA agli asparagi, uno dei nostri ortaggi preferiti. In questo mese vi proporremo un po’ di ricette con questo germoglio fantastico dalle proprietà medicamentose per il nostro corpo.

L’unica contro indicazione è l’odore incredibile della pipì dopo averli mangiati ;)

L’occasione di questo post ci è gradita per augurare a tutti voi i nostri migliori auguri di una buona Pasqua, cristiana, ortodossa o laica che sia, come potrete leggere nelle due righe sotto prese da Wikipedia, il dono delle uova era di buon augurio per la rinascita della primavera dopo l’inverno.

Meraviglioso anche l’utilizzo di queste uova decorate per la scampagnata fuori porta di pasquetta abbinate ad una insalatina primaverile, il famoso piatto “ovi e xermoj”.

CUXINA-27212 CUXINA-27213

WIKIPEDIA:

L’uovo pasquale nel Medioevo

L’usanza dello scambio di uova decorate si sviluppò, nel Medioevo come regalo alla servitù Nel medesimo periodo l’uovo decorato, da simbolo della rinascita primaverile della natura, divenne con il Cristianesimo il simbolo della rinascita dell’uomo in Cristo. La diffusione dell’uovo come regalo pasquale sorse probabilmente in Germania, dove si diffuse la tradizione di donare semplici uova in occasione di questa festività.

In origine, le uova venivano bollite avvolte con delle foglie, o insieme a dei fiori, in modo da assumere una colorazione dorata.

Sempre nel Medioevo prese piede anche una nuova tradizione: la creazione di uova artificiali fabbricate o rivestite in materiali preziosi quali argento, platino ed oro, ovviamente destinata agli aristocratici e ad i nobili. Edoardo I, re d’Inghilterra dal 1272 al 1307, commissionò la creazione di circa 450 uova rivestite d’oro da donare in occasione della Pasqua.

CUXINA-27214

My grandma and my great-grandma used to wrap eggs in crepe paper to make Easter decorations, and my dad’s girlfriend Danijela wraps them in tights with leaves and flowers. To colour the eggs she uses the skin of red onions, boiled for at least 1 hour. Once the colored water is cold, Dani puts in the eggs and cooks them for about 8 minutes. In Serbia this is a really important tradition so Danijela is really proud of this post!!

The eggs in the pictures has been eaten with the first asparagus of the season, one of our favourite vegetables. This month we’ll post a few recipes with this wonderful sprout that has a lot of beneficial properties, except for the terrible stench that it leaves in your pee…. Bleah :Q

Boiled eggs anre the main ingredient for “ovi e xermoj” a typical Easter Monday dish made with fresh spring salad and, as said, boiled eggs.

condividi Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

1 Comment

  1. Un po in ritardo, perchè indaffarato, auguro, e contracambio i miei più sinceri auguri di BUONA PASQUA a voi e a tutti quelli che visitano questo sito.
    gianfranco.

    Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>